Spezie

Visualizzazione di tutti i 10 risultati

    • Paese d'origine: Olanda
    • Descrizione
      Elettaria Cardamomum, è la regina delle spezie, dopo il pepe e zafferano. I baccelli di cardamomo sono utilizzati nella cucina indiana e asiatica da sempre grazie alle tante proprietà salutistiche. Viene utilizzato di recente anche in Europa, soprattutto per la preparazione di dolci. Ha grandi proprietà e con curcuma e zenzero è ingrediente del curry, tipico condimento indiano. Il cardamomo è “la regina delle spezie”, in secondo luogo soltanto a pepe nero “il re delle spezie” e lo zafferano. È una delle spezie più stimate nel mondo e fra le più costose. Il Cardamomo è il frutto della pianta Elettaria Cardamomum. I frutti del cardamomo sono piccoli baccelli ovali (capsule) di circa 1 cm di lunghezza, di colore verde pallido. Sono costituiti da tre alveoli interni che contengono dei piccoli semini neri. Sono proprio questi semini che racchiudono il potenziale aromatico più grande di questa spezia. I semi di cardamomo vengono poi fatti essicare al sole, prima di essere utilizzati.

    • Paese d'origine: Olanda
    • Descrizione
      Noto e amato fin dall’antichità, il ginepro, oltre a possedere notevoli qualità fitoterapiche, trova largo uso in cucina, dove può essere impiegato come sostituto di un’altra spezia come il pepe.

      Il caratteristico sapore acre o acidulo del ginepro rende questa una spezia molto ricercata in cucina per la preparazione di piatti a base di carne o, come avviene nella tradizione gastronomica del Trentino Alto Adige per insaporire pietanze realizzate con patate e crauti.

      Il legno di questo albero sempreverde, grazie al suo intenso profumo, viene impiegato per aromatizzare il pane durante la sua cottura in forno o per aromatizzare insaccati.

    • Paese d'origine: Indonesia
    • Descrizione
      La fragranza della cannella è prevalentemente dolciastra, calda, con sfumature lievemente piccanti dall’aroma pungente e secco. Parlando di cannella in cucina, nel caso di creme, infusi, o comunque liquidi che prevedono l’ebollizione, l’aromatizzazione di questi ultimi richiede semplicemente qualche minuto di bollitura delle stecche. Le sue caratteristiche organolettiche la rendono partner perfetta delle ricette dolci: non è raro trovarla come aroma di creme, budini, biscotti, tisane e similari. Spesso viene associata allo zenzero, sia per i loro sapori che si sposano perfettamente in un mix delizioso, sia per le proprietà unite delle due spezie: consigliamo l’aggiunta di un frammento di zenzero e uno di cannella alle vostre tisane invernali, il risultato avrà proprietà antinfiammatorie, energizzanti e riscaldanti (utili in particolar modo a chi soffre il freddo). Aggiunta al riso durante la sua cottura contribuisce a ridurne l’indice glicemico relativamente alto, permettendo un controllo dei livelli di zuccheri nel sangue dopo il pasto.

    • Paese d'origine: Madagascar
    • Descrizione
      La bacca di vaniglia è il frutto di un’orchidea tropicale originaria del Messico, oggi coltivata soprattutto nelle isole dell’Oceano Indiano ed in altre regioni tropicali.

      Perfetta per aggiungere una delicata fragranza a creme, torte, budini, gelati, macedonia e sciroppi, la Vaniglia in bacca è morbida e carnosa, facile da utilizzare: basta inciderla nel senso della lunghezza ed immergerla nel liquido previsto dalla ricetta, portare ad ebollizione, togliere dal fuoco e lasciare in infusione per 15 minuti prima di rimuovere la bacca. Per un gusto più intenso, estrarre i semi dall’interno della bacca con un coltello ed aggiungere anch’essi al liquido.

    • Paese d'origine: Indonesia
    • Descrizione
      Il chiodo di garofano è una spezia molto usata in cucina, di provenienza asiatica. Il nome è dato dal fatto che questa spezia ricorda il garofano ma in realtà è il bocciolo essiccato della pianta di Eugenia caryophyllata, un albero molto diffuso in oriente. Per secoli è stato al centro del commercio delle spezie provenienti dalle lontane isole Molucche, in Indonesia.
      In cucina questa spezia è spesso utilizzata come accompagnamento a carni, formaggi stagionati e alcune verdure. In tal caso aggiungere pochi chiodi di garofano nel condimento. Molto utilizzati anche per aromatizzare vini, liquori e dolci.

    • Paese d'origine: Brasile
    • Descrizione
      La Dipterix odorata è una pianta originaria del Sud America, i cui semi marroni e rugosi assomigliano al dattero ma al loro interno rivelano una sorta di mandorla bianca. Merito del sapore, certo, ma soprattutto dell’aroma: la Fava Tonka è meno dolce della vaniglia e molto più complessa e fragrante. In cucina l’utilizzo della fava è relativamente recente ma pare vivere la propria primavera: in pasticceria convive con biscotti, sciroppi di frutta, crema pasticcera e croissant, tanto per fare qualche esempio. Sul lato salato ha però molti connubi interessanti con la zucca, il cavolfiore e sulle creme di verdure. Quando incontra il cioccolato, tuttavia, non ce n’è per nessuno.

    • Paese d'origine: Turchia
    • Descrizione
      La liquirizia è nota fin dall’antico Egitto per le sue proprietà benefiche per l’organismo: scopriamo insieme quali sono i suoi diversi usi in cucina. La liquirizia è un ingrediente eccezionale per realizzare tantissime ricette. Originaria dell’area mediterranea e mediorientale, la liquirizia – il cui nome deriva dal greco glycyrrhiza che significa radice dolce – è una pianta erbacea perenne già nota e utilizzata nell’antico Egitto ma introdotta dai frati domenicani in Europa solo nel XV secolo. In Asia la liquirizia è utilizzata da circa 5 mila anni, dove risulta essere una delle piante più importanti anche nella medicina tradizionale.

    • Paese d'origine: Indonesia
    • Descrizione
      Il sapore della noce moscata è raffinato, dolce ed esotico con una nota appena piccante.
      In cucina viene utilizzata come ingrediente di dolci, creme e budini, ma anche in pietanze salate come purè di patate e verdure lesse, che arricchisce con un profumo speziato.
      Una spolverizzata di noce moscata è perfetta per aromatizzare cocktail e bevande alcoliche come vino caldo, punch e egg nog (bevanda inglese a base di latte, liquore e uova).

      In Medio Oriente la noce moscata è molto diffusa e arricchisce il sapore di carne, uova e formaggi.
      In Europa è molto diffusa nella cucina tedesca. In Italia questa spezia viene aggiunta al ripieno di tortellini e ravioli a base di carne, ai formaggi e agli spinaci.

      In commercio la noce moscata si può trovare già macinata o in semi interi (marroni o bianchi). Per apprezzarne l'aroma al meglio è consigliabile acquistare le noci e grattugiarle al momento dell'uso.

    • Paese d'origine: Thailandia
    • Descrizione
      Tra le spezie della salute, l’anice stellato è una di quelle meno note e utilizzate. Inconfondibile per la sua forma a stella ad 8-12 punte, questa tipologia di anice vanta numerosi benefici per la salute. Scopriamo allora tutte le proprietà dell’anice stellato e come usarlo in cucina.

      L’anice stellato, da non confondere con il più comune anice (Pimpenella anisum), altro non è che il frutto dell’Illicium verum, un albero originario del sud est asiatico molto utilizzato nella cucina tradizionale orientale per insaporire cibi e bevande.
      L’anice stellato, visto il suo sapore aromatico che ricorda un po’ quello della liquirizia, viene impiegato soprattutto per la preparazione di liquori e dolci. Il frutto che si acquista è già seccato e, a seconda della preparazione che si intende fare, può essere utilizzato intero oppure macinato.

    • Paese d'origine: Spagna
    • Descrizione
      Lo zafferano è la spezia più preziosae Il suo sapore pungente e il suo colore intenso lo rendono un ingrediente insostituibile in cucina e alcuni fitonutrienti presenti hanno proprietà davvero interessanti.
      Lo zafferano è molto utilizzato nella cucina orientale per preparare piatti di carne e pesce, piatti a base di riso, dolci, bevande e addirittura gelati. Altrettanto vario è l’uso della spezia nella cucina europea. La paella spagnola e la bouillabaisse francese devono allo zafferano il loro colore, così come il risotto alla milanese. Ottimo anche per preparare gustosi primi a base di pasta e secondi di carne e di pesce, in particolar modo crostacei. Nella cucina dell’Europa del nord è spesso utilizzato per dare colore e sapore a dolci, come avviene in Svezia dove dei dolcetti con zafferano, cannella e noce moscato sono tipici del periodo natalizio. Le combinazioni migliori sono comunque con riso, crostacei, carni in umido e salse delicate, che liberano ed esaltano le caratteristiche della spezia.

X